Quale sarebbe un ritratto nel vero senso della parola?

con Nessun commento

Secondo la definizione corretta, il ritratto è definito come: “immagine di una persona (reale o immaginaria), riprodotta mediante pittura, disegno o fotografia”. Ma allora una qualsiasi foto con delle persone sarebbero dei ritratti?

Sì e no. Il modo migliore per capire la differenza tra i due è con esempi visivi.

In una definizione rustica possiamo dire che il ritratto è definito quando si evidenzia un volto, guardando o meno verso la camera, come mostrato nella prima immagine.

Attualmente il ritratto è all’apice della popolarità ma allo stesso tempo meno apprezzato che mai da fotografi professionisti, in quanto genere caduto molto in disuso professionale e artistico a causa della gigantesca crescita dell’accesso alle macchine fotografiche e della moda dei Selfie, che nulla altro deriva dall’espressione “Selfie Portrait” o autoritratto.

Oggi c’è una grande diatriba tra coloro che stabiliscono che anche il selfie debba essere considerato parte dell’arte fotografica, in quanto abbiamo i più conservatori che lo trattano come un problema e banalizzano la fotografia di ritratto e la fotografia nel suo insieme, a causa degli eccessi dei cambiamenti che le persone mettono attraverso app alla moda e la mancanza di qualità.

Personalmente, siamo più del secondo gruppo che detesta i selfie come area della fotografia e lo poniamo come un problema psicosociale per una generazione di cultura visiva molto bassa, ma questo sarà l’argomento per un nuovo articolo.

Il ritratto

Il ritratto, parlando nella visione della fotografia professionale, a volte può essere considerato una battaglia tra ego; da un lato l’io del fotografo e dall’altro il soggetto.

In alcuni casi risalta il carattere e lo spirito del soggetto e la personalità traspare dall’immagine, ma a volte prevale lo stile del fotografo, anche se esistono personalità diverse, indipendentemente da chi si distingue.

Il ritratto attraverso entrambi gli sforzi è sempre registrato come una forte identità visiva, dove, empatia e tecnica creano immagini senza tempo e d’impatto. Uno dei ritratti più conosciuti al mondo, “The Afghan Girl” del fotografo Steve McCurry ne è la prova.

Il Ritratto - The Afghan Girl
Ma allora i ritratti sono solo di volti, o di soggetti suggestivi e in posa, o possono essere di gruppo e spontanei?

Entrambe le opzioni sono corrette, ma i fotografi hanno preferito temi con maggiori ripercussioni, come i senzatetto, i lavoratori manuali e le persone in situazioni di tragedia, che mostra sia un lato umanitario del mostrare ingiustizie sia un lato oscuro in cui si cerca il lato negativo delle persone. Temi per ritrarre e acquisire notorietà, in qualsiasi modo e qualunque sia l’etica dell’artista, il risultato sarà sempre l’unione del sentimento e della tecnica utilizzata.

Tecnicamente un ritratto ha allo stesso tempo un grande alleato e nemico, la luce naturale.
Un bravo fotografo deve essere in sintonia con il tema e il soggetto per scegliere quale sarà il modo migliore per utilizzare questa luce per generare l’impatto necessario.

Esempi

Possiamo citare le luci di una finestra, dove il soggetto più vicino ha una maggiore risalto mentre il resto rimane relativamente più scuro, e la luce direzionale genererà ombre e contrasti più sorprendenti.

Puoi anche usare la retroilluminazione, generalmente considerata inappropriata per i ritratti, tuttavia con l’aiuto del flash o dell’illuminazione continua possiamo avere un risultato interessante e alcuni effetti ottici come bagliori e riflessi interni e per chi vuole un maggiore controllo c’è ancora un’opzione di illuminazione da studio dove c’è un numero infinito di opzioni per la composizione dell’illuminazione.

Condividi...
       
   

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.