Associazione Culturale Ars Imaginis
Associazione Culturale Ars Imaginis

Posare lo sguardo dentro e attorno a noi, fermarsi ad osservare e meravigliarsi dell’immagine che prende forma; catturarla per sempre.

Le fotografie ci aiutano a creare l’immagine di noi stessi e ci hanno permesso di condividere eventi accaduti nel mondo o di una vita lontana.
Ars Imaginis esplora i vari ruoli che la fotografia ha svolto nella nostra società e nelle nostre vite personali – come mezzo di espressione artistica, registratore di eventi pubblici, storico familiare e potente strumento per plasmare l’opinione pubblica.
E mentre l’acquisizione di immagini su pellicola ha profondamente alterato il modo in cui viviamo, la fotografia stessa ha subito cambiamenti incredibili.
Un processo iniziato poco più di 150 anni fa con tentativi sperimentali di registrare le immagini del mondo è culminato in una rivoluzione digitale che le generazioni precedenti difficilmente avrebbero potuto immaginare.

Alcuni critici della fotografia e storici dell’arte mostrano quanto profondamente la fotografia abbia contribuito a plasmare la vita delle persone, estraendole dei regni della vita domestica, della pubblicità, della scienza, delle notizie, della propaganda, moda e celebrità.

In essa il visibile e l’invisibile si danno appuntamento in un gioco di rimandi reciproci; essa è una modalità attraverso cui il mondo si mostra, si manifesta. Non è una mera rappresentazione del reale, ne afferra invece il valore espressivo e diventa capacità di ordinare il visibile per dare voce all’invisibile intrappolato nel tempo e nello spazio. Si tratta quindi di svelare quell’“arte nascosta” nelle pieghe del più profondo animo umano, in virtù della quale le immagini si trasformano in schemi e simboli del nostro conoscere.